Rigori maledetti

13/05/2016

 

Si fermano ancora una volta ai tiri dal dischetto le speranze della Tenuta Carretta di andarsi a giocare l’atto finale del “Trofeo San Siro 2000” all’Arena Civica di Milano.

I nostri errori dai 7 metri, infatti, sono stati fatali nel decretare la prima posizione nel girone di Atletico Elana, che ha conquistato i 2 punti decisivi proprio grazie alla vittoria ai rigori.

 

Ma riavvolgiamo il nastro dall’inizio: nel primo incontro del triangolare a scendere in campo sono stati i nostri 2 avversari di serata, Atletico Elana e Attia Group. Questi ultimi, dopo i 25’ di tempo unico, si sono dovuti arrendere agli arancioni, con una sconfitta per 0-2 che li ha costretti a rimanere in campo per la gara successiva.

 

Il primo match della Tenuta Carretta, come previsto dal mister Galetti, ha quindi visto opposti i nero-verdi ad Attia Group. Una partita che, sin dalle prime battute, non ha lesinato emozioni: pronti via e Restivo insacca di tacco un assist al bacio di Filice, 1-0. Tempo di rimettere la palla a centrocampo e gli avversari trovano l’1-1, con un traversone che si infila secco in porta. Al 5’ è Marugi, con una sassata dalla trequarti a pulire l’angolo alto alla sinistra del portiere e a far rimettere alla Tenuta la testa avanti. Il vantaggio diventa doppio dopo un solo giro di orologio, con la marcatura di Filice, bravo a calciare il pallone millimetricamente a fil di palo, lasciando il portiere avversario senza speranza. Il 3-1 non dura molto: al minuto 9 Italia sbaglia un disimpegno, e nel tentativo di rubare il pallone all’avversario, tocca la sfera di mano in area: dal dischetto capitan Lombella, alla presenza 394 in maglia carrettiana, è spiazzato. Ci pensa però Grossi, qualche minuto dopo, a mettere dentro il pallone del 4-2 che ridà ossigeno ad una Tenuta in evidente calo fisico. Negli ultimi 10 minuti, infatti, è solo la grinta a tenere in piedi la squadra: gli avversari provano il tutto per tutto, mancando diverse occasioni anche a tu per tu con Lombella. A 2’ dal termine brivido finale, con il gol del 4-3 avversario che, fortuna nostra, sarà anche il risultato finale.

 

Il terzo match della serata è praticamente una finale, chi vince va all’Arena. La Tenuta parte bene, ancora calda dopo la gara appena vinta contro Attia Group: come nel primo incontro, Marugi scende sulla destra, botta secca, questa volta rasoterra, e 1-0 per noi. Al 3’, quindi, la Tenuta si porta in vantaggio, continuando a stare con ordine in partita. Al 10’, come nell’incontro precedente, la lucidità inizia a calare e così, e nel giro di 6 minuti, si passa dall’1-0 all’1-3. Ma i ragazzi ci credono, nonostante le forze a 0 e il risultato tutt’altro che roseo: il gol di Restivo al minuto 21 riaccende le speranze, che diventano realtà a meno di 1 minuto dal termine quando Mileto calcia di potenza un corner che il portiere avversario respinge nella sua rete. 3-3 e fischio finale. Si deciderà ai rigori la vincitrice del girone: partono loro, rete. Poi tocca a Marugi, 4-4. Ancora loro, Lombella tocca, ma il pallone si insacca, 4-5. Dopo Filice il risultato non cambia: palla a mezza altezza e il portiere avversario para. Il primo match point di Atletico Elana si spegne sul palo, complice uno scavetto troppo azzardato per entrare in rete. Restivo, come sempre, non sbaglia, 5-5 e si va ad oltranza. Il loro rigore va dentro, il nostro, con Mileto sul dischetto, no.

 

Finisce così la serata, con una classifica definitiva che recita Atletico Elana 5 punti, Tenuta Carretta 4, Attia Group 0.

 

Un vero peccato: ora la testa al Primaverile che, già giovedì prossimo, ci vedrà protagonisti di una sfida tostissima contro Settimo Calcio, i campioni in carica del Campionato appena concluso.

Please reload

SUPER OFFERTA

STEMMA
1999-2014

MAIN SPONSOR

STEMMA
2009